Perché i musicisti non devono solo suonare

Ma soprattutto pensare.
Ho appena scoperto che il mostro chitarristico di Forastiere, testa e cuore dell’idra tricefalo che sono i Guitar Republic, non solo è un compositore dannatamente tosto, ma è anche un essere umano di prima categoria, di quelli che se ne vedono così pochi che inizi a pensare che sia tu allucinato quando li incontri.

“Non ho nessuna voglia di aprire facebook la mattina e dire al mondo che ho bevuto una tazza di caffè, non vedo perché dovrei condividere questa cosa con tutte le persone, anche sapendo che loro potrebbero esserne interessate. So di essere in assoluta antitesi con quello che dovrebbe essere e che è il modo di comunicare attuale, ma non ci riesco, e non lo voglio neanche fare. In realtà, la mia incapacità di condividere i miei fatti privati è anche un preciso atto politico

Link all’intervista completa su 7ore32minuti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code class="" title="" data-url=""> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong> <pre class="" title="" data-url=""> <span class="" title="" data-url="">